Club Carta e Cartoni

Packaging, le innovazioni del futuro diventano realtà

27/07/2017

Un interessante articolo da Il Fatto Alimentare racconta i nuovi scenari di sostenibilità legati agli imballaggi: soluzioni tecnologiche che potrebbero fornire un importante contributo al problema degli sprechi alimentari, la cui applicazione pratica è sempre più vicina come si evince dagli studi condotti dal Trinity College di Dublino.

Il cartone del latte che avvisa, tramite sms, che la data di scadenza si avvicina. La bottiglia del vino che segna quando temperatura e ossigenazione raggiunte sono ideali. L’etichetta che diventa rossa quando l’umidità di un cibo confezionato non è quella giusta. Il display che fa il countdown dei giorni che restano per essere sicuri che una verdura mantenga tutti i suoi preziosi componenti. Il tutto grazie a chip stampati su un substrato sottile ma in grado di rimanere stabile nel tempo, economico e versatile. Merito di un progetto sviluppato dal Trinity College di Berlino: per la prima volta dopo trent’anni di studi, il team di fisici è riuscito ad ottenere un nanomateriale stampabile e bidimensionale, le cui potenziali applicazioni potranno essere molto numerose, a cominciare dal packaging alimentare.
I ricercatori irlandesi sono riusciti ad organizzare un nuovo materiale, composto da diverse sostanze che per le loro caratteristiche chimico-fisiche conferiscono stabilità e permettono di avere un materiale a due dimensioni nel quale è possibile stampare dei chip, ottenendo confezioni “intelligenti” capaci di interagire. Secondo i ricercatori che lo hanno sviluppato, nei prossimi anni questo prodotto si diffonderà ovunque, in quanto facile da assemblare e poco costoso: potrebbe consentire risparmi molto importanti come quello alimentare, favorendo in questo modo il contenimento degli sprechi.

powered by Over The Top SEO