Club Carta e Cartoni

Spreco alimentare, finalmente ora c’è una legge

23/09/2016

di michela canzio

Dal 14 settembre entra in vigore la legge contro gli sprechi alimentari, approvata il 2 agosto in Senato e pubblicata martedì in Gazzetta Ufficiale. E’ l’ultima tappa di un cammino iniziato ormai anni fa, che si conclude con un testo che chiarisce e semplifica le modalità con cui si può donare e che servirà da riferimento al settore agricolo, della ristorazione e al Terzo settore e dei soggetti che si occupano della distribuzione delle eccedenze alimentari a fini caritativi.

Una legge che, a differenza di quella francese, non prevede sanzioni, ma ha come primo intento la valorizzazione delle buone pratiche e l’ambizione di coinvolgere un numero crescente di soggetti nella rete solidale che si è costruita in questi anni. Attraverso questa legge, l’Italia si propone di dimezzare gli sprechi alimentari in dieci anni, superando i target definiti dall’Unione Europea per il 2020.

“Già a pochi giorni dall’approvazione, abbiamo ricevuto decine di richieste da parte di locali interessati a donare. Segno che il tema, nel settore, è molto sentito. Ora, con l’entrata in vigore della legge, ci aspettiamo un ulteriore impulso”, racconta Gregorio Fogliani, alla guida della Onlus QUI Foundation, che, con il progetto Pasto Buono, dal 2007 si occupa del ritiro e della distribuzione dell’invenduto del settore della ristorazione per donarlo a chi si trova in difficoltà. “La legge è un buon inizio, che pone le basi per aprire una nuova fase. Abbiamo calcolato che se tutti i pubblici esercizi italiani mettessero a disposizione le loro eccedenze, con una media di 20 pasti al giorni, si potrebbero distribuire addirittura 7 milioni di pasti quotidianamente”.

Secondo gli ultimi dati diffusi da Coldiretti, dei 12,5 miliardi che vengono sprecati ogni anno, il 54% è legato al consumo domestico, il 21% al settore della ristorazione, il 15% nella GDO e l’8% nel settore agricolo.

Tra gli interventi più importanti della legge contro gli sprechi, che riguarda proprio chi vende generi alimentari, c’è la sburocratizzazione e lo snellimento delle procedure per chi vuole donare. Ad esempio, i locali che vorranno consegnare gratuitamente il cibo a una Onlus non saranno più obbligati a segnalarlo con anticipo, ma potranno presentare una dichiarazione consuntiva a fine mese. Inoltre, aumenta notevolmente la soglia oltre la quale diventa obbligatoria la “denuncia” della donazione (da 5mila a 15mila euro). La legge apre inoltre ai Comuni la possibilità di prevedere sconti sulla tassa rifiuti per chi, invece di gettar via, donerà l’invenduto.

Importante, come nota Andrea Segrè, creatore dell’osservatorio Waste Watcher, lavorare parallelamente sulla prevenzione e sulla sensibilizzazione dei cittadini per diminuire la quantità di rifiuti domestici e spingere a comportamenti virtuosi dei privati, che sono complici di oltre la metà dei volumi sprecati.

Fonte: Tuttogreen

powered by Over The Top SEO